tennis.sportrentino.it
SporTrentino.it
News

Play-off Serie B1 femminile: l'Ata vede la promozione

Conferma Chiesa, riscatto Maines. L’Ata rialza la testa nel momento più importante della stagione, e strappa sui campi della Salento Tennis Academy di Arnesano, piccolo borgo in provincia di Lecce, la qualificazione al turno decisivo dei play-off della serie B1. L’obiettivo promozione torna di stretta attualità, sostenuto da una prestazione di personalità e spessore, vincere qui non era affatto scontato, perché l’avversario era tosto e perché bisognava esorcizzare pure il fattore ambientale, mai trascurabile quando si gioca a queste latitudini. Il modo con cui l’Ata è arrivata in fondo incoraggia a pensare positivo: la A2 passerà dalla doppia sfida con lo Junior Milano che ha chiuso imbattuto in testa al girone 1, anche senza punte di grido, ma con un terzetto di valide 2.4, Valentina Lia, Samira Manuela De Stefano, 20enne che ha appena toccato il suo best ranking Wta al numero 743, e Francesca Falleni. Un avversario alla portata del team trentino, tornato ad avere solide certezze cui aggrapparsi.

Il confronto

L’Ata ha impiegato appena cinquanta minuti per incamerare il primo punto, se l’è preso di forza Deborah Chiesa che ha schiantato la 20enne 2.3 di origini brasiliane Ana Candiotto, numero 609 delle graduatorie mondiali. Pressing, ritmo, e un servizio sempre incisivo, pronto a indirizzare lo scambio, la Chiesa ha soffocato sul nascere qualsiasi iniziativa della rivale che ha perso presto ogni riferimento in campo, restando sistematicamente in balia dell’aggressività della trentina. Per un set e mezzo è stata impeccabile anche Noemi Maines che ha imposto il suo tennis offensivo alla 20enne bulgara Denislava Glushkova, una capace di salire al numero 38 delle graduatorie Itf junior, e che attualmente naviga intorno al numero 600 del ranking Wta. La Maines ha dominato il primo set, e dopo aver cancellato due pericolose palle break, è salita d’impeto sul 4-1 anche nel secondo. Qui la Glushkova ha provato a scuotersi, ha cercato di annacquare le trame lineari della 17enne dell’Ata, ha ricucito lo strappo, ma la nostra è stata brava a ritrovare il sostegno della battuta e della risposta nel momento cruciale del match, sul 5-5, scongiurando così un periglioso terzo set. Sotto 0-2 la formazione salentina si è aggrappata all’esperienza della brindisina Claudia Giovine, cugina di Flavia Pennetta, classe 1990, già 257 al mondo, che con i suoi cambi di registro è riuscita a portare dalla sua una sfida equilibrata con la triestina dell’Ata Carlotta Moccia. Il tie-break del primo set ha fatto la differenza e spinto avanti la Giovine che ha gestito poi al meglio gli scambi nella seconda frazione, sfruttando il calo finale della Moccia. Tutto rinviato al doppio quindi, l’Ata ha mandato in campo la Chiesa e la Maines, Arnesano ha puntato sullo spirito di rivalsa della Candiotto e sulla maturità tennistica della Giovine. Il match è rimasto in equilibrio sino all’ultimo, meglio le trentine in avvio, più incisive le salentine nel secondo set, nel super tie-break però è stata la saldezza di nervi e la lucida capacità delle due tenniste dell’Ata di trovare le soluzioni migliori a spaccare la partita e a vidimare la qualificazione.

Play-off Serie B1 femminile

Salento Tennis Academy Arnesano - Ata Trentino 1-3
Chiesa (A) b. Candiotto 6-0 6-0; Maines (A) b. Glushkova 6-1 7-5; Giovine (S) b. Moccia 7-6(4) 6-3; Chiesa-Maines (A) b. Candiotto-Giovine 6-4 2-6 10-7

Autore
Luca Avancini

Elenco degli argomenti delle notizie:

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,482 sec.