tennis.sportrentino.it
SporTrentino.it
News

Torneo di terza a Rovereto: titoli a Bernardinelli e Bonomi

Qualità e tecnica. Bernardo Bernardinelli, maestro rivano classe 1983, 3.3 in forza al Ct Ledro, tornato a graffiare sui campi di Rovereto aggiudicandosi il torneo di terza organizzato dal circolo lagarino. Torneo che ha raccolto ben 131 adesioni nel maschile, 55 nel femminile. Lo ha fatto alla sua maniera, con un tennis che è sintesi di forza, precisione, aggressività, sostenuto da un servizio che ha sempre funzionato a dovere, e che lo ha aiutato a scardinare le velleità della concorrenza. Un solo passaggio a vuoto, con l’ex promessa dell’Ata Tommaso Marcomin, classe 2003, oggi 4.1, capace di portargli via il primo set, poi un percorso netto, solo in parte agevolato dal ritiro nei quarti del 15enne 3.2 veronese Pietro Soldo. Non c’è stata partita in finale, troppo tenera l’opposizione del giovane 3.3 veronese Carlo Alfredo Garofalo, rivelazione della prova, classe 2008 e un gioco completo cui appoggiarsi nelle giornate di vena. Un gioco che che non ha trovato il modo di fare breccia nella sfida decisiva, forse perché nelle gambe e nella testa si sono fatte sentire le fatiche della semifinale, la dura lotta con un altro giocatore di talento qual è Simone Ziglio, rimasto ben dentro la partita sino all’ultimo. Fatiche che gli hanno tolto quella lucidità e quella determinazione indispensabili per reggere il ritmo di Bernardinelli, sospinto verso finale dalla prova estremamente convincente con il roveretano del C10 Alessandro Maronato. I favoriti del tabellone erano caduti subito: Lorenzo Loro, il numero uno, per mano del 15enne 3.3 veronese Sebastiano Pozzani, poi fermato da Garofano, il 3.1 di casa Riccardo Trentini stoppato dallo scatenato rivano.
Tra le donne non ci sono state troppe sorprese, si è imposta Gioia Bonomi, giovanissima 3.1 del Ct San Giovanni in Lupatoto, classe 2011, un talento carico di promesse. Vittoria del temperamento e della determinazione, perché la 13enne veronese ha dovuto recuperare un set di ritardo sia nella semifinale con la 3.1 dell’Argentario Emma Serio, che nella finale con Sofia Gozzi, 15enne 3.1 mantovana della Canottieri Mincio. Carattere emerso con forza durante il match finale con la Gozzi, che pure era scattata dai blocchi a tutta e che pareva per un set e mezzo avere saldamente in mano gioco e punteggio. La Bonomi tuttavia non ha mai mollato la presa, è risalita con coraggio e un continuo scambio di energia con la partita, e quando è riuscita mettere la testa avanti nel punteggio ha preso fiducia e consapevolezza ed è diventata padrona della partita.

I risultati

Singolare maschile Terza - Quarti: Garofano b. Pozzani 6-2 6-3; Ziglio b. Riselli 6-4 6-1; Maronato b. Gretter 6-4 2-1 rit; Bernardinelli b. Soldo pr - Semifinali: Garofano b. Ziglio 6-2 1-6 6-4; Bernardinelli b. Maronato 6-2 6-1 - Finale: Bernardinelli b. Garofano 6-0 6-0.

Singolare femminile Terza - Quarti: Serio b. Gecele 6-4 6-0; Bonomi b. Zanfir 6-4 6-2; Gozzi b. Bottesi 6-2 6-3; Marth b. De Bettin 6-2 6-2 - Semifinali: Bonomi b. Serio 2-6 6-3 6-3; Gozzi b. Marth 6-3 6-1 - Finale: Bonomi b. Gozzi 3-6 7-5 6-0

Autore
Luca Avancini

Elenco degli argomenti delle notizie:

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,469 sec.